Associazione Nazionale Cani e Cultura

Educare, istruire, addestrare, recuperare il cane pensando al suo benessere

Educatore Istruttore Cognitivo Comportamentale

corso educatore istruttore cognitivo comportamentale luigi polverini

Lo scopo è quello di creare professionisti che sappiano instaurare la corretta relazione tra proprietario e cane e metterli nella condizione di vivere in modo piacevole la realtà urbana, inoltre intervenire nella risoluzione di quei problemi che appartengono più alla fascia della rieducazione che dei problemi comportamentali, esp. salta addosso, la questua, ruba le cose ecc..

 

DETTAGLIO PROGRAMMA

 

Parte generale.

  • La comunicazione intraspecifica e quella interspecifica.
  • Le diverse metodologie di apprendimento
  • Come affronta i problemi (modalità risolutive)
  • Tutto quello che serve per riuscire ad apprendere (parametri per l’apprendimento)
  • Il periodo pedagogico del cane, come guidarlo ad essere un adulto equilibrato.
  • Accenni sulla Zooantropologia
  • Il ruolo del cane nel mondo odierno
  • Differenze tra interazione, rapporto, relazione.
  • L’empatia e la simpatia, la collaborazione, l’altruismo reciproco e il mutualismo, la moralità animale, basi fondamentali per la relazione.
  • Differenza tra concertazione e collaborazione
  • Cosa accade quando si apre una relazione con il cane (le dimensioni della relazione)
  • Le principali derive relazionali: l’influenza della cultura antropocentrica, Umanesimo, nel rapporto uomo-animale

 

Parte 2 teorica e pratica  ”Base per educare ed istruire”.

Argomenti

  • Differenze tra il metodo gentile e l’approccio cognitivo
  • Cosa significa applicare l’approccio cognitivo
  • La costruzione progressiva del soggetto
  • Il significato e come si gestisce lo stimolo, il rinforzo, la punizione
  • Attività che centripetano il cane verso il proprietario
  • Attività che centrifugano il cane verso l’ambiente
  • Insegnare le richieste basi: vieni, andiamo, seduto, terra, resta, lascia, stop
  • La dorsale delle abilità: prendi, porta, apri, posa (abilità integrative alla vita famigliare)

 

Parte 3

  • l’importanza per il cane di utilizzare il l’olfatto
  • anatomia e gestione cognitiva dell’impianto olfattivo
  • approccio alle discipline olfattive

 

Parte 4

  • le basi per la ricerca in superficie
  • due modi diversi di interpretarla, lo scovo, la tracciatura
  • diversità tra ricerca aspecifica e specifica
  • diversità tra la ricerca urbana e extraurbana

 

Parte 5

  • La dorsale delle abilità: prendi, porta, tira, posa (abilità integrative alla vita famigliare)
  • come fare sentire utile il cane nel quotidiano
  • insegnare divertendosi

 

Per il Professionista Cinofilo Certificato (a cura della Dottoressa Cinzia Marconi)

  • studio delle normative nazionali ed europee per la professione della cinofilia.
  • Come diventare professionista certificato con riconoscimento europeo ed internazionale.
  • Cos’è l’FCC.

 

Tutte gli argomenti trattati prevedono sia una parte teorica sia una pratica

Il superamento dell’esame permette l’accesso diretto all’esame FCC per essere riconosciuti come Professionista Cinofilo Certificato a livello EUROPEO ed INTERNAZIONALE.

 

Docenti:

Luigi Polverini

Dottoressa Agnese Villavecchia – Biologa

Luogo: Roma, Via del Fosso della Magliana, 71, Presso Centro Sanitario Cinofilo

Per informazioni: contatti

 

Calendario:

Maggio           07-08   28-29

Giugno           11-12   25-26

Luglio             02-03 16-17

Agosto           27-28

Settembre       03-04

Ottobre           01-02

Novembre     05-06   26-27

Dicembre       03-04   Esami

 

Costo del Corso € 2.000,00 (Iva Esclusa)

 

Modalità di pagamento: Acconto per convalida iscrizione, 20% del totale.  Il costo dei corsi, meno l’acconto, verrà diviso in tre rate.  L’ammissione all’esame avverrà solo se i pagamenti saranno in regola. (I costi si intendono esclusa Iva)

 

Modalità di iscrizioneModulo Iscrizione

 

E’ fatto divieto al Cliente sottoscrittore di effettuare riprese fotografiche, audio e/o video del corso al fine di tutelare la privacy degli altri partecipanti e di rispettare il diritto d’immagine dei formatori.