Associazione Nazionale Cani e Cultura

Educare, istruire, addestrare, recuperare il cane pensando al suo benessere

Categoria C

Fondamenti di zooantropologia – Marchesini Roberto – Ed. Alberto Perdisa Editore

Il volume intende offrire al lettore una panoramica applicativa circa il metodo zooantropologico nelle sue modalità generali e specifiche di affrontare la relazione uomo-animale: come evento che deve essere implementato e che può essere migliorato e valorizzato; come evento che, se opportunamente tarato, può apportare notevoli benefici.

Canone di zooantropologia applicata – Marchesini Roberto – Ed. Alberto Perdisa Editore

Lavorare in pet therapy o nella didattica, impostare un progetto di educazione e istruzione del cane, offrire una consulenza nelle aree dell’adozione e della corretta impostazione del legame con il pet richiedono prima di tutto una riflessione sul concetto di relazione uomo-animale. Quali sono le caratteristiche di questo incontro e come intervenire per valorizzare il nostro rapporto con gli animali? A queste domande la zooantropologia applicata offre un metodo impostato su principi guida rispettosi dell’animale e della soggettività della persona. Il volume si propone come un manuale in grado di riassumere in una concisa serie di articoli le caratteristiche del metodo zooantropologico analizzando gli argomenti specifici della zooantropologia.

Terapia comportamentale del cane e del gatto – D. Horwitz – Ed. UTET

Lo studio del comportamento e dei disturbi comportamentali ha rappresentato, in questi ultimi anni, un settore in notevole sviluppo e il veterinario deve possedere una preparazione sufficiente per curare o gestire le turbe del comportamento dei pazienti a lui affidati. La disponibilità di un testo proveniente dalla collaborazione di autori di diverse nazionalità e con differenti approcci all’argomento, tradotto in lingua italiana, permette al professionista, oltre a una facile comprensione e consultazione, di venire a conoscenza di una concezione più aperta e aggiornata dell’argomento a livello internazionale. Lo sviluppo della medicina comportamentale e delle scienze comportamentali applicate ha suscitato un notevole e crescente interesse verso l’argomento, soprattutto in Italia, dove, inoltre, si è assistito alla nascita di nuove “figure professionali” con varie competenze, non sempre ufficialmente riconosciute e regolamentate negli ambiti di applicazione. L’AISEAB (Associazione Italiana Specialisti in Etologia Applicata e Benessere Animale), associazione strettamente collegata alla Scuola di Specializzazione in Etologia Applicata e Benessere Animale della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Milano, rappresenta un punto di riferimento in questo settore, in quanto tutti i suoi associati sono specialisti ufficialmente e legalmente riconosciuti a livello nazionale. La scelta di tradurre e curare l’opera, coinvolgendo diversi membri dell’associazione, è nata dal desiderio di collaborazione tra professionisti con formazione, interessi e obiettivi comuni.

La Clinica Comportamentale del Cane e del Gatto – Osella – Overall – Ed. CG EMS

Questo libro è stato ideato come testo pratico di Medicina Comportamentale; il suo scopo è di far conoscere al professionista i principi di base della clinica comportamentale.
Il testo non deve esser interpretato come visione d’insieme di Etologia e Comportamento Animale oppure come stato dell’arte delle ricerche compiute sull’argomento. Il punto focale di questo libro è la clinica comportamentale.
Questo libro si focalizza sugli approcci diagnostici e terapeutici relativamente ai più comuni e frequenti casi clinici riscontrati in cani e gatti.
Si è data maggiore importanza ai disturbi più gravi e diffusi piuttosto che a quelli che potevano apparire intellettualmente più stimolanti ma meno frequenti. Ad esempio, è stata posta molta attenzione sull’aggressione del cane e sui disturbi eliminatori del gatto in quanto trattasi dei due più importanti problemi di queste specie. Altri disturbi di più difficile comprensione ma che costituiscono una “sfida” scientifica, come le stereotipie, sono trattati, ma non così dettagliatamente.
Vi sono anche vaste sezioni dedicate ai comportamenti normali di cane e gatto, che hanno lo scopo di permettere al professionista di capire l’eziologia del comportamento problematico.
Nuovamente, le sezioni dedicate al normale comportamento non comprendono dissertazioni sulle singole tematiche, ma piuttosto si focalizzano su questioni che permetteranno ai professionisti di indirizare la prevenzione dei disordini comportamentali e di capire il loro sviluppo e la loro cura.
Questo testo è stato progettato con due obiettivi ben precisi: il primo è di fornire informazioni cliniche pratiche a professionisti e studenti di veterinaria; il secondo è di costruire una logica di pensiero utile per comprendere la crescita futura, lo sviluppo e i cambiamenti di questo campo. Anche se l’opera è stata concepita per sostenere l’attività del veterinario pratico, si prefigge anche lo scopo di essere un compendio per lo specialista.
I comportamentalisti variano nel loro approccio operativo e ho cercato di includere le ricerche più recenti, aggiornate e, a volte addirittura non ancora pubblicate, con l’intento di fornire nuovi spunti di discussione. Inoltre, tutte le nozioni contenute nel volume sono state organizzate seguendo un filo logico in modo da evidenziare le basi teoriche degli interventi applicati in clinica comportamentale.

Mente e linguaggio negli animali. Introduzione alla zoosemiotica cognitiva – Cimatti Felice – Ed. Carocci

L’ identità del cane – Marchesini Roberto – Ed. Alberto Perdisa Editore

Conoscere il cane significa confrontarsi con un’identità differente dalla nostra e nello stesso tempo fortemente radicata nella cultura e nello stile dell’essere umano. L’incontro tra l’uomo e il cane ha inevitabilmente cambiato entrambi cosicché studiare l’identità del cane è anche un modo per capire qualcosa in più dell’essere umano. Questo libro, che si propone di analizzare il cane attraverso l’approccio cognitivo e zooantropologico, ci porta in evidenza l’altra faccia del cane, quella troppo spesso dimenticata con gravi pregiudizi nella possibilità di costruire un rapporto completo e profondo con lui.